Medicina, arte e scienza

Medicina, arte e scienza

Lo studio odontoiatrico Dentalwellnessart della Dott.ssa Bruna Argenti a Trieste, offre un ambiente confortevole e accogliente dove medicina, arte e scienza si coniugano per accompagnare i pazienti lungo il loro percorso terapeutico per un sorriso sano e “a regola d'arte”


L’intreccio tra medicina, arte, scienza e spiritualità come metodo innovativo per poter ampliare gli orizzonti della mente verso nuove concezioni dell’uomo e dell’Universo, consente di approcciarsi alle cure odontoiatriche con maggior consapevolezza e sicurezza.


Questo approccio terapeutico attuato dallo studio dentistico Dentalwellnessart è particolarmente indicato per le persone odontofobiche, che così avranno la possibilità di rilassarsi prima degli interventi abbassando i propri livelli di ansia e stress.

scienza

"LE COSE SONO UNITE DA LEGAMI INVISIBILI. NON PUOI COGLIERE UN FIORE SENZA TURBARE UNA STELLA" (GALILEO GALILEI)


La fisica quantistica ha dimostrato che se prendi due elettroni o due particelle e poi le separi, a prescindere dalla loro distanza, essi rimarranno in comunicazione, ciò che accade a uno, avviene istantaneamente all’altro, questo è l’entanglement: l'intreccio


(Tratto da UN ALTRO MONDO di Thomas Torelli)

Arte visiva come terapia

Nello studio dentistico Dentalwellnessart è allestita una pinacoteca che predispone, accogliendo, le persone al rilassamento in una cornice di benessere psicologico, attraverso un disegno un colore, osservando l’opera e suscitando in chi la osserva emozioni positive, ponendo l’essere umano in maggior equilibrio possibile, in modo da affrontare positivamente le terapie odontoiatriche.


L'arte visiva come terapia è stata sperimentata già in molti reparti ospedalieri quali in pediatria e in rianimazione. L’uso/fruizione dell’arte non solo come benessere ma anche come terapia di aiuto e sostegno, facilita nelle persone l’emergere della creatività suggerendo tecniche che potenziano gli aspetti caratteriali positivi e offrono un contenitore emotivo e strumenti per elaborare le emozioni più difficili da accettare

Musica e musicoterapia

La musica può offrire senz'altro un valido supporto al percorso terapeutico. Come sosteneva Oliver Sacks, è indubbio che “il potere della musica di integrare e curare… è un elemento essenziale, è il più completo farmaco non chimico”. Negli ultimi 10 anni sono stati pubblicati vari studi che hanno dimostrato come la musicoterapia sia in grado di ridurre i livelli di ansia e di stress, determinare un miglior controllo del dolore e una migliore compliance ai trattamenti e fornire supporto psicologico a pazienti e loro familiari.


Dal punto di vista terapeutico la musica diviene attiva stimolazione multisensoriale, relazionale, emozionale e cognitiva, impiegata in diverse problematiche come prevenzione, riabilitazione e sostegno al fine di ottenere una maggiore integrazione sul piano intrapersonale ed interpersonale, un migliore equilibrio e armonia psico-fisica

Bibliografia

  • Balint. Medico, paziente, malattia. 1957
  • Brewer JF. Healing sounds.Complementary Therapy in Nurses and Midwifery 1998; 4(1):7-12
  • Bunt L. Music therapy: an art beyond words. Routledge 1994, England
  • Ezzone S., Baker C., Rosselet R.,Terepka E. Music as an adjunct to antiemetic therapy. Oncology Nursing Fo-rum 1998; 25(9):1551-1556
  • Janelli LM., Kanski G. Music for untying restrained patients. Journal of New York State Nurses Association 1998; 29(1):13-15
  • Kerkvliet GJ. Music therapy may help control cancer pain. J Natl Cancer Inst. 1990 Mar 7; 82(5):350-2
  • Lindsay S. Music in hospitals. British Journal of Hospital Medicine 1993; 11:660-662 8. Magill-Levreault L. Music therapy in pain and symptom management. J Palliat Care. 1993 Winter; 9(4):42-8.
  • McCaffrey R., Locsin RC. Music listening as a nursing intervention: a symphony of practice.Holistic Nursing Practice 2002; 16(3):70-77
  • Renz M, Schutt Mao M, Cerny T. Spirituality, psychotherapy and music in palliative cancer care: research projects in psycho-oncology at an oncology center in Switzerland. Support Care Cancer 2005; 13(12):961-6
  • Smith M., Casey L., Johnson D., Gwede C., Riggin OZ. Music as a therapeutic intervention for anxiety in patients receiving radiation therapy. Oncology Nursing Forum 2001; 28(5):855-862
  • White JM. Music as intervention: a notable endeavor to improve patient outcomes. Nurses Clinical North American 2001; 36(1):83-92
  • Giusti E., Piombo I. (2003), Arteterapie e Counseling espressivo. Ed. Aspic
  • Naumburg M (1966), Dynamically oriented art therapy: its principles and practices, Grune & Stratton, New York.
  • Kramer E. (1977), Arte come terapia nell’infanzia. Ed. La Nuova Italia.
  • Ulman E. (1961), Art-therapy: problems and definition, in “Bullettin of Art-Therapy”, II, 2.
  • Warren B. (1995), Arteterapia in educazione e riabilitazione. Arti visive, danza, musica, attività teatrale, racconti, maschere e burattini. Ed. Centro studi Erickson.

l'arte fa bene alla salute

L'arte visiva fa bene alla salute: secondo uno studio realizzato alla Drexel Unversity di Philadelphia ha dimostrato addirittura che per attivare i circuiti del piacere del nostro cervello possono essere sufficieti i disegnini che facciamo quando parliamo al telefono. 


Questa non è che l'ultima di una lunga serie di ricerche che mostrano come le arti visive ci aiutino a stare meglio, normalizzando il battito cardiaco, la pressione del sangue e i livelli di cortisolo. 

Meno ansia e stress al museo

 Secondo una ricerca condotta dall'Università di Torino, la visione di quadri e opere d'arte non attiva solo le aree cerebrali coinvolte nella rappresentazione visiva e nel riconoscimento degli oggetti, ma anche quelle legate all'espressione delle emozioni.


Diversi studi hanno infatti dimostrato che visitare mostre e musei aumenta il benessere psicofisico e riduce i livelli di ansia e depressione, favorendo una risposta emotiva positiva. 

Torna su